|

23 Giugno, 2021     3 min read

4 tendenze di sostenibilità fondamentali per la moda e per il retail: Previsione #3

Previsione di sostenibilità #3: Materiali innovativi ed expertise

Il rapido turnover della moda significa che ogni anno consumiamo circa 80 miliardi di articoli di abbigliamento – mettendo così inevitabilmente a dura prova il nostro pianeta. E, in termini di azioni a favore dell’ambiente, uno dei modi più efficaci per produrre un impatto positivo, sia per le aziende che per i consumatori, è scegliere materiali di alta qualità che siano sostenibili.

In passato, la tecnologia delle fibre e la scienza dei materiali erano limitate a specialisti, sportivi e appassionati di outdoor, e ai margini dell’industria della moda. Ma ora alcuni dei più importanti fashion brand si sono uniti alla nuova ‘rivoluzione dei materiali’, caratterizzata da maggiori investimenti, sperimentazione radicale e un crescente impegno a favore della sostenibilità.

Dal 2012, le aziende utilizzano l’Higg Index per scegliere materiali più sostenibili e ecocompatibili. E, per aiutare i clienti a prendere decisioni più informate, Fashion For Good, la piattaforma di innovazione della moda sostenibile, raccomanda di giudicare l’impatto dei materiali secondo il principio ‘Five Goods Cradle-to-Cradle’, che analizza il modo in cui la sostenibilità è integrata lungo l’intera catena di produzione di un bene o di un prodotto.

I materiali naturali sono più desiderabili per alcuni prodotti, come calzature in pelle di buona qualità o mobili in legno, ma i materiali sintetici ad alte prestazioni sono più indicati per attrezzature outdoor e equipaggiamento sportivo. I brand hanno la possibilità di offrire prodotti con garanzie a lungo termine, servizi di riparazione gratuiti, consulenze con stilisti o esperti di prodotto, insieme a specifiche tecniche dei materiali subito disponibili.

Enfatizzando l’utilizzo dei materiali più adatti, lo sviluppo di innovazioni intelligenti per ottenere prestazioni ottimali e la condivisione delle conoscenze, i brand possono incoraggiare i clienti informandoli dettagliatamente. Tuttavia, i materiali migliori, come le fibre naturali di alta qualità o le fibre altamente tecniche, possono essere più costosi, più complessi e richiedere più tempo per essere prodotti, per cui le tempistiche di sourcing del prodotto possono richiedere una gestione più attenta.

PENSO CHE LA NATURA SIA PROFONDAMENTE RADICATA (NEI NORDEUROPEI) E LE PERSONE ATTENTE A PRESERVARE L’AMBIENTE NATURALE. AL MOMENTO, IN TUTTO IL MONDO, I BRAND SI BATTONO PER ESSERE PIÙ SOSTENIBILI. ANCHE NOI DI HELLY HANSEN STIAMO LAVORANDO PER ESSERE IL PIÙ POSSIBILE SOSTENIBILI... LA NOSTRA LINEA MONO-MATERIALE, AD ESEMPIO, È UN BUON PUNTO DI PARTENZA, CON GLI ISOLANTI REALIZZATI, A PARTE LE DUE SEZIONI DELLA CERNIERA, AL 100% IN POLIESTERE

I marchi che scelgono di offrire servizi di riparazione hanno bisogno di una stretta integrazione tra produzione e servizio clienti per essere certi che le riparazioni vengano eseguite prontamente ed efficacemente e che i dati sulle riparazioni possano essere utilizzati per migliorare prodotti futuri. Pertanto, il personale può avere bisogno di accedere a una grande quantità di dati sui prodotti e sui materiali per fornire consigli esperti e vendere in modo sicuro a clienti sempre più attenti.

Grazie a strumenti di trasformazione digitale come il PLM (Product Lifecycle Management), le aziende possono tenere traccia della conformità e definire aspettative di qualità, garantire che gli standard tecnici globali e regionali siano rispettati e rassicurare i clienti rispetto al fatto che i fornitori soddisfino le aspettative etiche e ambientali. Inoltre, le aziende smart potranno far leva sull’utilizzo di app mobili connesse per audit di fabbrica, controlli della qualità e test sul campo per supportare un controllo degli standard più dettagliato e in tempo reale, in ogni fase.

Soluzioni digitali che integrano la tecnologia di progettazione 3D nel processo di campionamento possono promuovere la sostenibilità, con un numero inferiore di campioni fisici da produrre e spedire, riducendo al contempo le iterazioni di progettazione e ottenendo un prodotto complessivo migliore.

Gli strumenti di trasformazione possono inoltre centralizzare tutti i dati correlati ai prodotti e ai materiali in un’unica, aggiornata, fonte di verità che facilita l’introduzione, il tracciamento e la gestione di nuovi materiali e componenti. Questa nuova tecnologia consente ai team di focalizzarsi sul reperimento dei materiali più sostenibili e sull’innovazione del design di prodotti che i clienti ameranno!

Scopri come le aziende, potenziate da tecnologie innovative quali Centric PLM, possono fare una reale differenza positiva per l’ambiente, soddisfare le richieste dei clienti E mettere la propria attività a prova di futuro.

LEGGI L’EBOOK

Share this article