ARTICOLI

Dritti alla meta con la pianificazione finanziaria della merce

4 MINUTI DI LETTURA
TwitterFacebookLinkedInWhatsApp

Il Merchandise Financial Planning (MFP) è il processo realizzato da un’azienda di vendita al dettaglio (retailer) per mappare gli obiettivi finanziari (obiettivi di vendite/ricavi lordi, redditività o livelli di inventario) in piani dettagliati di merchandise, canali, vendita, margini e acquisti/ingressi.

Si tratta di una strategia implementata dall’alto (top-down) che garantisce l’allineamento a livello del consiglio direttivo, offrendo a merchandiser e pianificatori la capacità di convertire gli obiettivi concordati in piani con un livello di dettaglio molto più fine. All’interno di questo quadro finanziario, i diversi team possono costruire gli assortimenti e sapere dove investire, ad esempio su prodotti private label o specifici canali di distribuzione. Si tratta sostanzialmente di un processo per riconciliare tutti i piani in obiettivi di business finalizzati alla crescita strategica.

Tuttavia, sviluppare un piano finanziario per la merce con fogli di calcolo può richiedere settimane, a volte anche di più se ogni minimo cambiamento deve essere riportato più e più volte. L’impossibilità di lavorare con informazioni accurate in tempo reale che possano essere aggiornate istantaneamente espone i team al rischio di ritrovarsi con eccedenze di inventario (e i relativi costi di acquisto) o di esaurire i prodotti più richiesti. Entrambe le situazioni possono compromettere il raggiungimento degli obiettivi finanziari.

Eliminare complessità, sovraproduzione e grandi sconti

Oggi le offerte di prodotti sono complesse, con articoli di uso quotidiano accanto a categorie stagionali. Alle aziende serve una soluzione che tenga conto di fattori variabili quando sviluppano un MFP. Questi fattori possono essere la diversa vita a scaffale (shelf life) dei prodotti permanenti e stagionali, così come taglie e colori, raggruppamenti per tipologia di prodotto e altro ancora.

Se si unisce la diversa vita a scaffale con elevate frequenze di rinnovo, cicli di produzione brevi, problematiche economiche e interruzioni della supply chain, si ottiene un ciclo della merce che cambia e si evolve continuamente, con moltissimi elementi che variano senza sosta. Visibilità, agilità e lavoro di squadra sono quindi più importanti che mai.

1. Superare i limiti dei fogli di calcolo

In ogni momento, i merchandiser si trovano a gestire almeno tre stagioni di inventario: quella precedente, quella attuale e la successiva. Se a questo si aggiungono migliaia di prodotti con diverse durate a magazzino e molteplici punti vendita, tutto in un foglio di calcolo, si ottiene un groviglio indistricabile.

Inoltre, gli acquisti online hanno rivoluzionato il viaggio del cliente e messo a disposizione delle aziende dati relativi a prodotti, luoghi e clienti.

Pensare di gestire anche una sola stagione di dati di clienti, tendenze e vendite con fogli di calcolo o sistemi di pianificazione obsoleti è troppo difficile, complesso e arcaico, soprattutto in un contesto come quello attuale nel quale regna un’incertezza senza precedenti.

Un software di pianificazione moderno e innovativo agevola il lavoro di team ormai inondati di dati e automatizza molte funzioni di pianificazione, macinando in modo efficiente enormi quantità di dati. L’intelligenza artificiale integrata in queste soluzioni guida i processi decisionali con suggerimenti su come e dove acquistare, sviluppare e investire per ottimizzare i risultati e la crescita dell’attività. I team potranno così dedicare meno tempo a spulciare dati aggregati e più tempo all’interpretazione di dati organizzati di alta qualità.

2. Creare previsioni affidabili della domanda

Molte aziende gestiscono già migliaia di codici articolo (SKU) per molteplici collezioni, canali, negozi, aree geografiche, preferenze dei clienti e specificità regionali. Tutte queste complessità generano in poco tempo complicazioni finanziarie, strategiche e di tempistiche, per pianificatori, merchandiser e buyer.

Un software di pianificazione consente a pianificatori e merchandiser di lavorare con un livello di analisi estremamente dettagliato per garantire la corretta allocazione dei prodotti in modo da eliminare la sovraproduzione, raggiungere livelli di scorte ottimali e rifornire accuratamente i negozi.

Una soluzione moderna consente ai team di costruire piani finanziari per le merci sfruttando analisi approfondite dei dati, modelli predittivi e dati storici per generare previsioni affidabili della domanda attesa. I merchandiser hanno persino l’opzione di creare ambienti di prova (sandbox) basati su scenari per le scorte e i piani stagionali, per valutare l’impatto potenziale dei cambiamenti anche più piccoli.

Questi scenari possono comprendere, ad esempio, l’aggiunta di più prodotti…

  • …con un determinato prezzo
  • …per un determinato arco di tempo
  • …per la vendita attraverso un nuovo canale

Prima ancora che il prodotto venga creato, un MFP accurato può consentire di decifrare:

  • il costo medio del prodotto
  • il prezzo di vendita medio al quale dovrebbe essere venduto
  • il prezzo scontato medio

3. Capire le tendenze e sapere dove investire

Per i team sovraccarichi di lavoro, creare un piano di merchandising può richiedere settimane. Un piccolo cambiamento nello sviluppo o nella disponibilità di un prodotto può far crollare l’intero progetto. I team che affogano in un mare di dati e fogli di calcolo non hanno né il tempo né la visibilità per svolgere le analisi necessarie a costruire piani che rispecchino accuratamente dove e in cosa investire, allineando al tempo stesso le strategie di merchandising agli obiettivi finanziari o alle strategie di vendita.

Uno degli aspetti più rilevanti di una soluzione per la pianificazione finanziaria della merce è la capacità del sistema di analizzare dati passati per verificare quali strategie hanno funzionato in passato e quali no.

Sfruttando una soluzione di pianificazione con tecnologia IA per costruire un MFP, si può analizzare in modo veloce e preciso quali siano i prodotti più acquistati dai clienti. I merchandiser possono facilmente inserire questi dati nel sandbox e nella vista delle previsioni per creare un ciclo affidabile per le future attività di previsione delle vendite e pianificazione delle merci.

Il software MFP analizza anche la spesa delle strategie di merchandising, individuando opportunità e inefficienze finanziarie. La soluzione consente di individuare esattamente dove ridurre gli eccessi di spesa e di capire quali prestazioni sono inadeguate e dove eliminare sconti non necessari per riallinearsi e raggiungere gli obiettivi finanziari. È inoltre molto efficace per recuperare perdite di profitti individuando e riducendo sprechi e sovraproduzione all’interno delle strategie esistenti.

Investire in Centric Planning

Per far crescere un’azienda, le collezioni e gli assortimenti di prodotti devono essere sviluppati in linea con i vincoli e gli obiettivi finanziari del piano di merchandising.

La soluzione di pianificazione di Centric Software® è pensata da esperti di pianificazione retail e moda e di sviluppo prodotto, specificamente per il commercio al dettaglio. È estremamente intuitiva e potente, consentendo ai team di creare in modo veloce ed efficiente piani accurati che agevolano la mappatura delle gamme e degli assortimenti di prodotti. Un sistema di pianificazione solido non solo porta miglioramenti dei margini operativi e di prodotto, ma riduce anche il time-to-market e lo stress dei dipendenti.

Centric Planning interagisce inoltre con Centric Visual Boards, una soluzione visuale che consente di “ribaltare” il processo MFP e lavorare con modalità visuali, restando sempre connessi ai dati finanziari in tempo reale.